sabato 20 febbraio 2010

Perché un blog?


Da qualche giorno si è concretizzata nella mia testa l’intenzione di aprire un blog tutto mio. 
Contemporaneamente, una domanda ha echeggiato nei corridoi della mia mente: perché vuoi farlo? Da quale bisogno nasce questa voglia di mettere in vetrina i tuoi pensieri? Mi spevantava e mi metteva a disagio l’idea della mia presunzione nel ritenere che le mie riflessioni potessero essere di interesse o di spunto per altri.
Se non cambio angolatura, mi sono detta, non ne esco e chiudo prima di avere iniziato.
Poi ho pensato che in fondo non c’è nulla di deprecabile nel volersi mettere in comunicazione, e quindi in relazione, con le persone, in qualsiasi forma lo si desideri fare.
Mi fa piacere pensare a questo spazio web come a un salottino accogliente in cui degli amici si possono ritrovare a chiacchierare di fatti che gli stanno a cuore e a commentare, secondo la propria sensiblità, notizie o pensieri altrui e, se si trovano a loro agio, possono portare anche altri amici. Che saranno i benvenuti.
E poi ho pensato alla magia e alle componenti della comunicazione e mi è tornato in mente uno scritto di Albert Mehrabian, psicologo statunitense studioso della comunicazione non verbale il quale ha dimostrato che solo il 7% del significato viene veicolato dalle parole pronunciate, mentre il 38% di esso viene comunicato attraverso la tonalità in cui vengono espresse, e il restante 55% non ha nulla a che vedere con le parole, bensì con la fisiologia. Il silenzio, uno sguardo, la postura, le smorfie del volto o il modo di respirare, l’abbigliamento o il profumo usato sono aspetti che "parlano" per noi e manifestano il nostro modo d’essere, l’universo dei nostri stati d’animo, ancor più delle nostre parole.
Credo proprio che sia plausibile che le proporzioni siano queste. Tutto ciò mi affascina ma mi risulta anche un po’ spaventoso. Il 93% di ciò che comunico sfugge in qualche modo al mio controllo e per chi come me (ma penso di essere in buona compagnia) è alla continua ricerca di un equilibrio tra il lasciar fluire liberamente il proprio essere e  tenere sotto controllo il piccolo mondo che ci circonda per vivere di rassicurazioni ingannevoli, non è per niente facile da accettare.
E allora mi sono convertita alle parole scritte, che posso leggere e rileggere, modificare e sistemare, corregere e ponderare illudendomi di ridurre al minimo la possibilità di essere fraintesa o di non essere ascoltata dal mio interlocutore di turno che, altrimenti, potrebbe essere troppo distratto dai miei vestiti, dal mio respiro o dal mio profumo…
La cosa che più mi manca, però, è il tè con i pasticcini.

10 commenti:

  1. Brava Stefania, sarò lieto di leggere le tue riflessioni, che ho avuto già modo di apprezzare in circostanze recenti. E grazie di avermi messo tra gli amici :)) Per il tè con i pasticcini sono sempre pronto :))

    Alessandro alias Ticchettòcche

    RispondiElimina
  2. vuoi dire che il 93% delle cacchiate che scrivo sul blog, non servono a un tubo? :D

    RispondiElimina
  3. Il primo post già mi piace :-)

    A presto
    Domenico

    RispondiElimina
  4. In bocca al lupo Stefania!
    Anche io sono molto orgogliosa di essere tra i tuoi amici.
    A tutti noi buoni pensieri e buone chiacchiere!

    RispondiElimina
  5. Se lo psicologo statunitense ha ragione vuol dire che chi non ti sente almeno ti guarda...Speriamo!

    RispondiElimina
  6. stefania falsini24 febbraio 2010 20:55

    Grazie a tutti per il vostro incoraggiamento e per l'affetto che mi dimostrate!

    RispondiElimina
  7. carissima stefy mi stai facendo rivalutare l utilizzo di questi evoluti mezzi di comunicazione ovvero blog , chat.......un nuovo mondo che mi permette a fine giornata qualche piccola riflessione. Grazie veramnete grazie
    alessia

    RispondiElimina
  8. Ciao Stefy, bello questo Blog e bella l'altra serata.. Sei stata una grande provocatrice, certo io mi sento un po' fuori dal giro, un po' anche perchè inevitabilmente le vostre vite sono diverse dalla mia e non per la storia dei pannolini... Ma questo magari un giorno ne parliamo a quattr'occhi.. Un bacio
    Chiara

    RispondiElimina
  9. Stefania Falsini1 marzo 2010 12:55

    Cara Chiara,
    quante cose vorrei dirti...
    Qui mi limito a dirti grazie per la tua amicizia.
    Per il resto vediamoci presto prestissimo.

    RispondiElimina